ECC-Net versione italianaECC-Net EnglishEcc-Net De

E-commerce e pratiche commerciali scorrette

Acquisti incautiL’AGCM avvia un’istruttoria sui siti web “ilrinnovato.it” e “hwonline.it” a seguito dei molti reclami ricevuti. Numerosi i casi pervenuti al CEC Italia. 

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha avviato un procedimento nei confronti di due società italiane di commercio on line GPS Italia S.r.l. (che vende attraverso il sito web www.ilrinnovato.it ) ed E-Commerce Specialist S.r.l.( che vende attraverso il sito web  www.hwonline.it ), per accertare presunte condotte ingannevoli e aggressive verso i clienti dei rispettivi siti internet.

Le numerose segnalazioni pervenute al CEC-Italia delineano una dinamica ormai consueta: le due società che vendono online elettrodomestici, televisori, prodotti per la telefonia, elettronica e prodotti per l’ufficio, hanno attratto numerosi clienti con prezzi molto bassi; tuttavia, dopo il pagamento si sono evidenziate molte anomalie, quali la mancata consegna degli articoli acquistati, ostacoli nell’esercizio del diritto di recesso dal prodotto acquistato, nonché l’omesso rimborso delle somme precedentemente versate.

Si è dunque mossa l’AGCM, con il sospetto che i due siti web  riportino informazioni ingannevoli sulla disponibilità, sui tempi di consegna e sulle modalità di spedizione, ovvero distorte rispetto ai requisiti previsti dal D. lgs 21/2014, normativa che ha rafforzato il  codice del consumo in materia di rimborso per mancata consegna del bene acquistato (eventualità, quest’ultima, che si è ripetuta con eccessiva frequenza nei casi esaminati).

Infatti, i consumatori si trovano spesso a dover attendere tempi biblici per la consegna dei loro acquisti già pagati o, peggio, a non ricevere il prodotto e neanche riuscire a recuperare il corrispettivo versato. È evidente che in questi, come in altri analoghi casi, i diritti dei consumatori sono violati, per negligenza o mala prassi.

Il CEC-Italia ha offerto da subito un supporto informativo, a seguito delle  numerose richieste di aiuto che sono pervenute nell’ultimo anno da parte di consumatori italiani e residenti negli altri paesi UE.

Trattandosi di casi attuali e ripetuti, l’AGCM nelle giornate del 30 e 31 marzo scorsi ha inviato propri funzionari presso le sedi delle società interessate, avviando altresì le procedure per la possibile applicazione di misure cautelari.

Quello dell’e-commerce è un fenomeno vastissimo, esploso negli ultimi due decenni con il contestuale sviluppo della tecnologia e dei commerci globalizzati, che offre opportunità di mercato e di crescita economica per tantissimi operatori e PMI. Tuttavia, è anche l’ambiente fertile per pratiche ambigue e, talvolta, sleali, in danno di malcapitati consumatori. Il fatto è che solo in parte si possono attuare misure preventive per evitare di cadere in queste trappole, a causa dell’asimmetria informativa che svantaggia il consumatore online.

Per questo, si afferma quantomai importante la corretta informazione sui diritti dei consumatori e l’assistenza al reclamo che le associazioni dei consumatori e il CEC Italia possono offrire.

 

 

 

Seguici su


euministero sviluppo economicoProv Bolzano

 

 

Your Europe 


Adiconsum - Associazione Difesa Consumatori dal 1987Verbraucherzentrale Südtirol

© 2021 ECC-NET Centro Europeo Consumatori Italia