Cerca
Close this search box.
  • Home
  • News
  • Black Friday: i tuoi diritti non sono in saldo!
17 Novembre 2022

Black Friday: i tuoi diritti non sono in saldo!

Consulenza ed assistenza per i consumatori in Europa

Black Friday, diritti dei consumatori

Il Black Friday è ormai alle porte! La data di quest’anno è venerdì 25 novembre, giorno in cui sia i negozi fisici che quelli online offrono sconti vantaggiosi a migliaia di consumatori, i quali confrontano le diverse offerte per trovare l’affare giusto, in vista anche dell’arrivo delle feste natalizie. Spesso, però, dietro tutte queste promozioni, si nascondono dei rischi per i consumatori: offerte non reali, truffe e fregature. Per questo, anche quest’anno, consigliamo di prestare la massima attenzione agli sconti.

Come sappiamo, le promozioni del Black Friday possono contenere dei raggiri soprattutto quando si trovano su Internet. Si sono riscontrate, infatti, truffe sui social network (Instagram o Facebook), finti negozi online, frequenti attacchi di phishing (un tipo di truffa architettata per ingannare e per sottrarre le informazioni personali e i dati finanziari dei consumatori), finte pagine di pagamenti elettronici, il tutto finalizzato ad incassare il denaro degli acquirenti per poi sparire senza lasciar traccia e ad estorcere informazioni relative alle carte di credito o ai codici di accesso.

È fondamentale, allora, tenere a mente alcune raccomandazioni soprattutto quando si acquista online:

  • Affidarsi solo a siti sicuri e protetti da sistemi di sicurezza internazionali: evitare i siti che non hanno il simbolo del lucchetto nella barra di indirizzo e quelli che non indicano tutti i dati d’identificazione del sito e della società titolare dell’attività commerciale come, per esempio, la partita iva, l’indirizzo pec o quello fisico;
  • Leggere con attenzione le condizioni generali del contratto, le quali devono contenere le informazioni sul diritto di recesso gratuito e sulla garanzia legale;
  • Scegliere sempre il metodo di pagamento più sicuro: è meglio pagare con la carta di credito o con PayPal piuttosto che attraverso bonifici bancari soprattutto sul web;
  • Controllare le recensioni prima di effettuare un acquisto: attenzione perché anche esse possono

essere manipolate;

  • Fare attenzione agli sconti troppo vantaggiosi;
  • Confrontare i prezzi: non è detto che le offerte online siano quelle più convenienti. È sempre consigliabile verificare anche i prezzi offerti dai negozi tradizionali.

Oltre alle solite raccomandazioni, è importante ricordare – soprattutto a chi sceglierà di fare acquisti online – le maggiori garanzie per i consumatori derivanti dalla nuova Direttiva (UE) 2019/2161 “Omnibus”.

La direttiva in questione ha aggiornato le norme dell’Unione Europea relative alla protezione dei consumatori. Nello specifico, la direttiva interviene su 4 specifiche direttive: la 93/13 CEE sulle clausole abusive, la direttiva 98/6/CE sull’indicazione dei prezzi dei prodotti offerti ai consumatori, la direttiva 2005/29/CE sulle pratiche commerciali scorrette e la direttiva 2011/83/UE sui diritti dei consumatori. Gli operatori commerciali, incluse le piattaforme digitali, dovranno agire con maggiore trasparenza informativa nei confronti del consumatore e saranno soggetti a determinati obblighi quali:

  • Indicare il prezzo precedentemente applicato ad un prodotto nell’ipotesi di sconto o riduzione di prezzo;
  • Informare i consumatori circa i parametri principali che determinano la classificazione dei prodotti presentati;
  • Adottare procedure a garanzia della provenienza delle recensioni da consumatori che hanno effettivamente acquistato o utilizzato il prodotto, qualificando come pratica commerciale scorretta quella di incaricare una o più persone di trasmettere recensioni false o apprezzamenti al fine di promuovere prodotti;
  • L’ampliamento dell’insieme delle informazioni precontrattuali da rendere al consumatore prima che lo stesso concluda l’acquisto di un prodotto o di un servizio.

La direttiva prevede, inoltre, l’imposizione di sanzioni pecuniarie per la violazione della normativa sulle clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori.

Nella maggior parte degli Stati dell’EU, l’iter di recepimento, il cui termine ultimo era stato fissato alla data del 28 maggio, è già stato completato. Pertanto, se per esempio, decidete di comprare su Zalando, rinomato sito e-commerce tedesco specializzato nella vendita di scarpe, vestiti e accessori, quest’ultimo ha l’obbligo, in caso di vendita di prodotti ad un prezzo scontato – come avviene durante il Black Friday – di esporre il prezzo (intero) applicato nei 30 giorni precedenti.  

È altrettanto importante ricordare che per gli acquisti effettuati online si ha il diritto di recesso gratuito, il quale può essere esercitato entro 14 giorni dalla consegna dei prodotti acquistati o dalla conclusione del contratto se si acquistano servizi. A tal riguardo ricordiamo che anche quando, per la fruizione di un determinato servizio, è sufficiente registrarsi sul sito, si conclude un contratto soggetto alle norme a tutela del consumatore. Il corrispettivo, infatti, in questo caso, è rappresentato dalla fornitura dei nostri dati personali.

E se il prodotto acquistato non funziona, si ha il diritto a restituirlo e chiederne la riparazione o sostituzione senza incorrere in ulteriori spese, ricordando che se non può essere riparato o non è più in stock non si è tenuti a cambiare prodotto o ad accettare un buono poiché si avrà diritto ad ottenere il rimborso.

Nonostante tutte le garanzie che vengono riconosciute quando si acquista nel mercato interno, è possibile che dal nostro acquisto nasca un contenzioso. Nessuna paura! L’UE mette a disposizione la piattaforma di risoluzione online delle controversie, un sito interattivo attraverso cui consumatori e venditori online possono trovare un accordo amichevole anche attraverso l’intermediazione di un organismo di risoluzione alternativa delle controversie. E se il venditore ha sede in un paese dell’UE diverso dal vostro? Non demoralizzatevi, potete sempre rivolgervi per assistenza gratuita al Centro Europeo Consumatori.

Hai trovato utili queste informazioni?
Aiutaci a condividerle

Facebook
X
LinkedIn
Email
My Agile Privacy
Per offrirti la migliore esperienza di navigazione e per scopi statistici, ECC-Net Italia utilizza tecnologie come i cookie. Cliccando su "Accetta" acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.
In alternativa, puoi cliccare su "Personalizza" per scegliere quali cookie accettare. Puoi modificare o revocare il tuo consenso in qualsiasi momento cliccando in fondo pagina su "Gestisci il consenso".